Il top della cucina è un piano di lavoro appoggiato sulle basi della cucina ad una altezza variabile tra gli 85/92 centimetri da terra.
Ideale per lavorare bene, completato con piano cottura a gas o a induzione, lavello e per chi ha aspettative quasi professionali e lo vuole fornito di accessori iperfunzionali oltre alla cottura e al lavaggio, dotarlo di piastra Teppan Yaki, friggitrice, scolapiatti, canalizzazioni per attrezzature da cucina, prese elettriche ecc.
Il piano di lavoro è il cuore della cucina, dove si tagliano gli ortaggi e le pietanze, si lavora la pasta, si preparano i dolci, per questo motivo nelle cucine attuali ha caratteristiche funzionali ed estetiche straordinarie con prestazioni sempre più elevate.
Il costo del Top incide mediamente intorno al 7/10 % del costo complessivo della cucina ed è importante scegliere il modello più congeniale all’utilizzatore.
La richiesta più frequente è la ricerca di un Top con meno giunte possibili, ma ci sono dei limiti tecnici delle lastre in quarzo o in marmo che raggiungono non più di cm 305/320 di lunghezza e poi bisogna considerare le difficoltà di trasporto che oltre quelle misure normalmente non si accede ai piani alti se non con l’aiuto di una gru semovente.
Le indicazioni che seguono servono per conoscere le diverse tipologie di materiali maggiormente usate:

Laminati
Sono dei pannelli di truciolare idrorepellenti dall’interno color verde, ricoperti di un foglio di laminato o di nobilitato che rende la superficie resistente alle infiltrazioni laddove non ci sono giunzioni e resistente fino a 100/110° nei prodotti migliori. È buona abitudine tenere sempre il top asciutto da liquidi e mettere sempre un sottopentola quando si maneggia una pentola calda.
E’ il prodotto più comune e in uso da parecchi decenni.
Il valore di questo prodotto oltre al costo contenuto è la disposizione a riprodurre perfettamente altri materiali come l’effetto legno, marmo o metallo.

Quarzi o compositi
Sono generalmente delle lastre composte da pietre o graniti macinati e compattati con resine ad alte temperature di varie texture. Il risultato un materiale molto resistente, elastico e inalterabile alle macchie, con poche tensioni tipo torsioni, crepe e imbarcamenti. La grande disponibilità dio top in quarzo sul mercato ha reso il prezzo molto conveniente.
Marmi e graniti
Ogni pezzo è unico e irripetibile, con grande varietà di colori, venature e trame. E’ un materiale naturale, con una porosità minima nei graniti e maggiore nei marmi. Sulle superfici vengono stese delle vernici a base siliconica per non assorbire i liquidi e si possono macchiare a contatto di limone, olio, aceto, tè.
I costi di realizzazione sono maggiori dei materiali precedenti.

HPL
Sono dei piani di spessore 12 mm o maggiori, con una superficie simile ai Laminati per durezza e varietà di trame o texture, con l’anima composta da resine e minerali.
I piani in HPL sono molto resistenti ai liquidi, ai graffi e agli urti ed hanno una buona resistenza al calore.
La disponibilità di lastre fino alla lunghezza massima di cm 420 facilita l’istallazione di cucine praticamente senza giunti. E’ un materiale poco conosciuto e poco disponibile dai produttori di cucine.

Ceramiche
L’innovazione tecnologica dei produttori di piastrelle, ha prodotto lastre di dimensioni notevoli in ceramica o in gres con una varietà di trame innumerevoli. E un prodotto molto resistente, nato per realizzare pavimenti per uso residenziale e commerciale e quindi inalterabile all’abrasione, ai liquidi, al calore, e alle rotture. Sono materiali igienici, di facile pulizia, inattaccabili dagli acidi e dalle macchie più tenaci.
Il costo di questo materiale è piuttosto elevato, inoltre non facilmente lavorabile in fase di montaggio di una cucina, il rischio di rottura è alto se si devono fare modifiche sul posto.

Legno
E’ un prodotto naturale, bello da vedere, ecologico e riciclabile.
Il legno è un materiale delicato, necessita di molta manutenzione, si macchia e si graffia facilmente, si impregna di liquidi, è sensibile all’umidità, e al calore, inoltre e tende a manifestare torsioni e imbarcamenti.

Acciaio inox
E’ senz’altro un materiale robusto ed igienico, molto usato nella ristorazione professionale. Poco usato perché ritenuto a torto dal grande pubblico un materiale poco pratico e sporchevole. Resiste ai liquidi, agli acidi, al calore. Le superfici possono essere lisce lucide o satinate oppure tramate come un tessuto o in rilievo tipo chicchi di riso. Il risultato estetico è eccellente, per la realizzazione di piani da cucina c’è un lavoro di preparazione notevole che fa salire i costi e rende il materiale esclusivo utilizzato solo dai marchi più prestigiosi.

se l’argomenta interessa e vuoi conoscere altri particolari clicca su