I PIANI DELLE CUCINE

I PIANI DELLE CUCINE
I piani delle cucine attualmente in produzione vantano un’ampia varietà di tipologie, finiture e materiali e le prestazioni sono sempre più efficienti. Le tipologie più utilizzate sono i top in laminato, agglomerato, pietra o granito, legno, acciaio, ceramica o gres porcellanato e, ancora, i cementi e le eco malte, le pietre sintetizzate, il vetro e i piani piastrellati. LAMINATI I piani in laminato sono i più venduti in Italia. Sono composti da un pannello di particelle di legno o MDF di diverso spessore, coperto da un foglio di nobilitato o laminato. Questi ultimi sono dei rivestimenti composti da tanti fogli sottili impregnati di resina fenolica. Il foglio esterno è usato per riprodurre un motivo tipo legno, pietra, delle geometrie o un colore, dando una varietà di decori vastissima. Il metodo di lavorazione di questi fogli, a seconda di come vengono compressi, garantisce una durezza alla superficie notevole, fino ad arrivare a quella degli HPL, molto resistenti ai graffi e agli acidi. Inoltre, le applicazioni con vernici trasparenti conferiscono una durezza notevole alle superfici. Questi materiali sono normalmente certificati per garantire emissioni di sostanze nocive ad una soglia molto bassa. Tuttavia, controllare il paese di provenienza di questi manufatti è estremamente importante: vi suggeriamo di chiedere al venditore informazioni a riguardo, per via della loro importanza in termini di salute e impatto ambientale. La maggior parte dei piani sono idrorepellenti, cioè resistenti all’acqua, senza che ne conseguano modifiche nella struttura. AGGLOMERATI Si tratta di materiale simile ai marmi o ai granit,i composti per il 95% di sabbia silicea miscelata nel restante 5% con resine e pigmenti colorati resistenti ai raggi UV. Le lastre hanno un formato di cm 300/310 x 140 e gli spessori sono diversi. Le lastre a base di quarzo mantengono le proprietà fisico.meccaniche della pietra, sono resistenti agli urti, all’abrasione e ai prodotti chimici, hanno una uniformità di colore, sono facili da pulire e hanno un assorbimento quasi nullo. Le caratteristiche di questo prodotto lo rendono ideale per i top delle cucine, per i bagni. In architettura gli agglomerati sono molto usati per le facciate degli edifici. CEMENTI ED ECOMALTE Sono materiali usati per il piano, ma anche per i frontali delle cucine. Il risultato è una superficie morbida al tatto, con diverse sfumature cromatiche. Si tratta di un intonaco che si applica a frattazzo (spatola) sulle superfici da decorare in sottilissimi strati, lavoro svolto rigorosamente a mano da personale esperto. Il prodotto è costituito da sostanze atossiche, è facile da pulire, resistente all’acqua, agli acidi e agli agenti chimici ed è facilmente riparabile. La lavorazione manuale condiziona il costo del materiale. ACCIAIO I piani in acciaio sono igienici, resistenti ai detersivi, al calore e agli urti. Sono usati in tutte le cucine industriali per le qualità indicate. Nelle case danno un tocco tecnologico ed elegante. Anche se ci sono molti indugi e resistenze verso i piani in acciaio inox, spesso questi prodotti vengono utilizzati nelle cucine di alta gamma. CERAMICHE, GRES PORCELLANATO L’evoluzione dell’industria produttrice di pavimenti in gres porcellanato con piastrelle di grandi dimensioni ha creato lastre fino a cm 300, con spessori ridotti fino a 3 mm. Le decorazioni dei piani variano dalla riproduzione del legno alle colorazioni più di tendenza, dalla pietra all’effetto marmo (di Carrara, Nero Marquinia, Emperador ecc). Le caratteristiche principali di questi top sono l’alta resistenza ai graffi, al fuoco, agli acidi e all’acqua.