Divano di qualità: come scegliere il modello migliore

Divano di qualità:  come scegliere il modello migliore
La scelta di un divano di qualità dipende dai materiali con cui è assemblato, dal design che caratterizza il prodotto e dalla qualità riconosciuta all’azienda produttrice e non deve essere influenzata dalla pubblicità che genera illusioni in un acquirente impreparato e facile preda di promozioni e offerte. La struttura di un imbottito ha delle parti in legno di abete e altre in derivati come truciolare o MDF. I cuscini di seduta sono in schiumato poliuretanico, detto anche gommapiuma, con densità variabile tra 20 e 40 kg per metro cubo. La densità influisce sul peso, la morbidezza e l’indeformabilità dello schiumato e questo determina sensibili variazioni sul costo del prodotto finito. L’anima in schiumato dei cuscini di seduta può essere talvolta ricoperta da uno strato in memory foam e da un’imbottitura in piuma naturale, per i divani più prestigiosi, o sintetica ad ottimizzarne la sensazione di comfort e accoglienza. I divani presenti sul mercato normalmente hanno una seduta con una profondità variabile e differenti altezze per quanto riguarda i cuscini di schienale. La comodità e l’ergonomia sono legate a sensazioni assolutamente soggettive e possono essere percepite in modo differente da individuo e individuo anche e soprattutto in base alle peculiarità fisiche di ciascuno. Gli schienali sono fatti in maniera simile ai cuscini di seduta ma, non dovendo sorreggere il nostro peso, sono più morbidi e accoglienti. Lo schienale di un divano ha una altezza massima di 80/90 cm da terra ed è sufficiente per appoggiare la testa. Se l’imbottito fa da divisorio tra due ambienti o è previsto a centro stanza è meglio che gli schienali siano bassi per non creare barriere esteticamente poco piacevoli e l’attenzione nella scelta del modello andrà posta sull’immagine a 360 gradi del divano stesso. Il rivestimento di un imbottito normalmente è in tessuto sfoderabile oppure in pelle. Normalmente è sconsigliata la pelle ecologica poiché come rivestimento di imbottiture morbide può facilmente segnarsi col tempo. Le aziende ci offrono centinaia di tessuti, con trame e spessori diversi, lavabili a secco o in casa a basse temperature. E’ indispensabile controllare l’etichetta ed assicurarsi di eseguire il lavaggio indicato dal produttore. Ci sono tessuti antimacchia che se puliti subito non lasciano aloni sulle fodere ma va considerato che dopo ripetuti lavaggi in lavatrice la barriera protettiva alle macchie si attenua. Ci sono anche tessuti molto resistenti a lavaggi ripetuti e sottoposti a rigidi cicli per testarne la resistenza all’abrasione. Tutte caratteristiche tecniche normalmente indicate sull’etichetta di ciascun tessuto. Le pelli hanno tante varianti, dalla zona di provenienza al tipo di allevamento, dal materiale rigenerato a quello naturale, dallo spessore del pellame usato alla grandezza delle pezzature. Questi parametri possono variare anche sensibilmente i costi finali del divano. Di questo tema tratteremo approfonditamente in un prossimo articolo.