Come scegliere un cappa da cucina

Il mercato degli elettrodomestici, offre un numero consistente di modelli di cappe per la cucina che vogliamo acquistare o progettare.

La cappa da cucina è un importante elettrodomestico perché garantisce il costante ricambio dell’aria, filtra il vapore ed i grassi ed elimina 
i residui della combustione dei piani cottura a gas, che se restano nell’ambiente sono molto inquinanti e di conseguenza pericolosi per la 
nostra salute.

Dimensioni della cucina

Cucina La Casa Moderna con cappa a vista

La scelta della cappa è in funzione alla dimensione del locale cucina, della posizione della canna fumaria se presente, dal numero di componenti del nucleo familiare, e dal piacere di cucinare.

La dimensione della cucina è la conseguenza della grandezza del locale se è un cucinotto o cuoci vivande, oppure un ambiente ampio o un Open Space aperto sulla zona giorno con un isola o una penisola.

Se la cucina è piccola la cappa sarà preferibilmente integrata nel pensile per occupare meno spazio possibile, se invece abbiamo un Open Space la cappa potrebbe essere inserita a soffitto nel cartongesso.

Tipologia di cappe

Le tipologie di cappa quindi possono essere suddivise in:

  • cappa da incasso integrata nel pensile
  • cappa di arredamento a vista sulla parete
  • a soffitto o a isola
  • cappa integrata nel piano cottura

Cappa a incasso

Cappa per pensile

Cappa integrata nel pensile

La cappa da incasso inserito all’interno del mobile pensile è la scelta più frequente, inoltre si integra perfettamente con il modello di cucina e può essere depurante o filtrante se collegata alla canna fumaria

Cappa di arredamento a parete

Cappa Country

Cappa a parete

Cucina Pratica di La Casa Moderna

I nuovi modelli di cappe d’arredo hanno un design elegante, sono leggere compatte si appendono come un quadro, sono tecnologiche, silenziose e con funzioni intelligenti.

Si connettono con il piano cottura ed alla accensione partono in automatico e modulano l’aspirazione in base al consumo del piano cottura.

Filtrano l’aria con lampade ad ozono, a fine cottura si spengono dopo aver cambiato l’aria nell’ambiente

La cappa a Soffitto

cucina in acciaio con cappa a soffitto

La cappa a soffitto e ad isola sono in forte crescita. La cucina nelle nuove costruzioni occupa uno spazio importante, integrato con la zona giorno e il salotto formando un Open Space o meglio il Living. E’ ormai una prerogativa delle coppie giovani e non solo che prediligono un locale aperto sia come area operativa che come area per rilassarsi

Cappa integrata nel piano cottura

Isola con piano cottura e cappa integrata

    Da qualche anno stanno crescendo le cappe integrate nel piano cottura.

L’aspirazione avviene da una griglia posta nel  centro del piano cottura, con delle turbine che aspirano fino a 800 MC/H (metri cubi ad ora). L’aria depurata viene poi espulsa da una bocchetta all’altezza dello zoccolo cucina che non deve essere mai inferiore a 10 cm

Le cappe aspirano  e filtrano l’aria inoltre ci sono modelli con sensori che gestiscono la qualità dell’aria, hanno una o più turbine con motori brushless o inverter che riducono il consumo di energia e ne usano lo stretto necessario in funzione del vapore e dei fumi.

Presentano una buona illuminazione con barre LED ad alta efficienza.

Filtraggio grassi e odori

Nei modelli tradizionali di cappe, i filtri antigrasso sono fabbricati con dei pannelli in acciaio inox.  Fermano grasso e vapore e periodicamente si lavano nella lavastoviglie.

E’ una operazione da farsi di frequente perché quando i filtri sono intasati i grassi raggiungono le turbine e cominciano a produrre rumori fastidiosi e si deteriora il motore.

Gli odori vengono espulsi nella canna fumaria, altrimenti si usano dei filtri ai carboni attivi che assorbono bene sia gli odori che i grassi.

Potenza di aspirazione cappa

La potenza della cappa è espressa in MC7H metri cubi ora, deve essere collegata alla canna fumaria senza troppi curve e con tubi lisci che non rallentano il flusso dell’aria. Il diametro minimo della presa della canna fumaria è di 120 mm. Al di sotto di questa misura le resa della cappa diminuisce drasticamente.

Si calcola che il locale dove si trova la cappa deve avere un ricambio di aria almeno 3 volte all’ora.

Questo calcolo si fa misurando le dimensioni della cucina in metri cubi e la potenza della cappa espressa sempre in MC. Ad esempio se una cucina misura L 4oo cm, P 400 cm, H cm 270 (mc 43,2), la cappa deve aspirare almeno 130 MC/H.

Un’altra caratteristica importante per una cappa è la rumorosità, molto fastidiosa se rimane accesa per lunghi periodi e si misura in dB (decibel). Molto dipende dalla qualità delle turbine, dalla pulizia dei filtri, dalla qualità dei materiali. Diversi tipi di cappa offrono la possibilità di mettere il motore in remoto, o meglio di spostare il motore, indipendentemente dalla cappa in una zona isolata.

I costi delle cappe variano tantissimo da un minimo di 100 € per le cappe con sportellino apribile a diverse migliaia di Euro per le cappe più performanti.

Il nostro personale di Corti&Co. è in grado di guidarvi nella scelta di questo importante elettrodomestico http://www.cortieco.it